Dantedì and the Italian Migrant Crisis

Getty-images-unidentified-migrant-tombs-Lampedusa

“Among supporters for the Dante day is Italy’s minister for foreign affairs Enzo Moavero Milanesi, who recently expressed his enthusiasm for the project in an article penned for Corriere. ‘Dante is fully and pervasively part of the genetic code of what it is to be Italian,’ Moavero Milanesi wrote. Given that Dante’s poem is heavily Catholic, and shows Prophet Mohammed split in half by a demon for ‘sowing schism,’ conflating Dante with modern Italian culture reflects ideas that are outdated – and nationalistic.

“This uncritical celebration of the past diverts attention from the dark conditions on Italy’s shores. While Dante’s pilgrim makes an arduous but enlightening journey towards paradise in order to escape the inferno, Moavero Milanesi and Salvini would prefer that the migrants remain in limbo. Rather than supporting their assimilation, Moavero Milanesi has laid out a plan that advises migrants against attempting the crossing. [. . .]   –Emma Leech, “A campaign to commemorate Dante distracts from a crisis on Italy’s coastline,” The New Statesman (July 30, 2019)

25 March: Dantedì

“Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro per i Beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, ha approvato la direttiva che istituisce per il 25 marzo la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri. ‘Ogni anno, il 25 marzo, data che gli studiosi riconoscono come inizio del viaggio nell’aldilà della Divina Commedia, si celebrerà il Dantedì. Una giornata per ricordare in tutta Italia e nel mondo il genio di Dante con moltissime iniziative che vedranno un forte coinvolgimento delle scuole, degli studenti e delle istituzioni culturali.’

“‘A un anno dalle celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante’ – ha aggiunto Franceschini –  ‘sono già tanti i progetti al vaglio del Comitato per le celebrazioni presieduto dal prof. Carlo Ossola. Dante’ – ha concluso Franceschini – ‘ricorda molte cose che ci tengono insieme: Dante è l’unità del Paese, Dante è la lingua italiana, Dante è l’idea stessa di Italia.'”   –“Dante Alighieri entra in calendario: il 25 marzo sarà ‘Dantedì,'” La Repubblica (17 gennaio 2020)

Contributed by Ludovica Valentini (Florida State University, MA ’18)